L’ANDRONI GIOCATTOLI SIDERMEC E L’ECCEZIONALE BILANCIO DELLA VUELTA AL TACHIRA

È stato un inizio di stagione con il botto per l’Androni Giocattoli Sidermec che alla Vuelta al Tachira ha raccolto cinque successi e tre secondi posti

L’ANDRONI GIOCATTOLI SIDERMEC E L’ECCEZIONALE BILANCIO DELLA VUELTA AL TACHIRA

È stato un inizio di stagione con il botto quello dell’Androni Giocattoli Sidermec alla Vuelta al Tachira. Non lo si può che definire così l’avvio di 2020 per i campioni d’Italia, che escono dal Tachira, la Vuelta Grande de America, con un bottino incredibile. Su otto tappe i corridori guidati in Venezuela dal team manager Gianni Savio e dal direttore sportivo Giampaolo Cheula ne hanno vinte ben cinque, con tre secondi posti nelle frazioni in cui non è arrivato il successo. Ad imporsi sono stati Luca Pacioni nella prima tappa a San Cristobal, Jhonatan Restrepo a Rubio e Borota e Kevin Rivera a Palmira nella cronometro e al Cristo Rey in salita nella tappa regina della corsa.

Sui podi parziali in seconda posizione sono finiti Pacioni a Abejalis (nello stesso giorno in cui è arrivato quinto Nicola Venchiarutti), Rivera a La Grita e Restrepo ieri nella chiusura a San Cristobal. Per restare solo ai podi, vanno ricordati i due terzi posti di Munoz a Borota e Cepeda a Palmira. Proprio il giovane ecuadoriano è stato sfortunatissimo, dovendosi ritirare nel corso della penultima tappa (frattura al polso sinistro) per una caduta quando era terzo in classifica generale. A proposito di classifica generale c’è da applaudire, invece, Kevin Rivera che ha terminato al terzo posto alle spalle dei venezuelani Campos (primo) e Ruiz. Munoz, l’altro meglio piazzato tra gli Androni Giocattoli Sidermec, ha concluso appena fuori dai dieci (11°). Anche nelle classifiche parziali le cose non sono andate male con Rivera che ha fatto quasi filotto, imponendosi nelle graduatorie dei giovani e della montagna e terminando al secondo posto in quella a punti. Per l’Androni Giocattoli Sidermec è arrivato anche il terzo posto nella classifica a squadre: «Abbiamo ottenuto risultati anche superiori alle attese» spiega soddisfatto dal Venezuela il team manager Gianni Savio. «Davvero bravi i ragazzi a presentarsi in una buona condizione nella prima gara della stagione. Un segno evidente di professionalità, per aver eseguito accurati allenamenti nel periodo invernale».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here