#PillolediGiro – Nona Tappa – Orsini costretto al ritiro

Prosegue in concomitanza con il Giro d'Italia e in collaborazione con il sito internet La Giornata Sportiva la rubrica quotidiana #PillolediGiro che ci accompagnerà attraverso le 21 tappe della corsa rosa con aneddoti che caratterizzano la corsa stessa o le località dove essa si svolge. Non mancherà però un occhio di riguardo alla tappa in programma, con le caratteristiche del percorso e la programmazione TV

Continua la rubrica quotidiana #PillolediGiro che racconterà le 21 tappe della corsa rosa con aneddoti che caratterizzano la corsa stessa o le località dove essa si svolge. Non mancherà però un occhio di riguardo alla tappa in programma, con le caratteristiche del percorso e la programmazione TV

102° Giro d’Italia (2.UWT)

Tappa 9 (ITT)  »  Riccione  ›  San Marino   (34.8km)

La Sangiovese Wine Stage è la cronometro più lunga della Corsa Rosa e segna l’unico sconfinamento di questa edizione.

La seconda cronometro del Giro 2019 si tratta in realtà di una cronoscalata. Dopo l’ascesa verso SanLuca, ora è la volta dell’ascesa verso SanMarino. La RiccioneSanMarino, chiuderà la prima “settimana” di gara. La più antica Repubblica del Mondo ha ospitato per 11 volte un arrivo di tappa della corsa rosa. La prima nel 1951 portò la firma di Astrua. A quella sono seguite quelle di Nolten del ’56; di Gaul del ’58; di Defilippis del 59; di Maurer del ’64; di Gimondi del ’68; di Merckx del ’69; di Saronni del ’79; di Visentini del ’87; di Tonkov ’97 e di Noè del ’98. Il Giro del 1969 che a San Marino vide l’ultima vittoria per quell’edizione di Eddy Merckx, passò alla storia sportiva e non, come quello della squalifica per doping del belga l’indomani dopo l’arrivo a Savona, mentre era in Maglia Rosa, riconquistata proprio sul Monte Titano. Sono entrate ormai nella memoria collettiva le immagini in bianco e nero di Sergio Zavoli che intervista un piangente Merckx in un letto dell’albergo di Albisola dove alloggiava la Faema, che il giorno stesso abbandonò la corsa rosa. Quel Giro poi come tutti si ricorderanno se lo aggiudicò Felice Gimondi con un vantaggio di 3’35” su Michelotto e 4’48” su Zilioli.

@LaGiornataSportiva/M.P.

La prova contro il tempo più lunga della Corsa Rosa si annuncia importante ai fini della Classifica Generale.

Il primo corridore a partire nella crono è stato Nico Denz (AG2R La Mondiale) alle 12.50. L’ultimo sarà la Maglia Rosa Valerio Conti (UAE Team Emirates) alle 16:13. L’ordine di partenza della cronometro è disponibile a questo link.

Nella tappa di oggi, la lista dei corridori dotati del dispositivo per il monitoraggio dati in tempo reale di Velon può essere scaricata da questo link.


METEO
Riccione (12:50 – Partenza primo corridore): Variabile, 16°C. Vento: debole ENE – 6 km/h.
San Marino (17:10 circa – Arrivo ultimo corridore): Variabile, 12°C. Vento: debole OSO – 8 km/h.

Durante la tappa ci saranno 27 punti in palio per la classifica della Maglia Ciclamino (classifica a punti – 566 punti rimasti) e 18 punti per la Maglia Azzurra di miglior scalatore (607 punti rimasti).
 

MAGLIE

  • Maglia Rosa, leader della classifica generale, sponsorizzata da EnelValerio Conti (UAE Team Emirates)
  • Maglia Ciclamino, leader della classifica a punti, sponsorizzata da SegafredoPascal Ackermann (Bora – Hansgrohe)
  • Maglia Azzurra, leader del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da Banca MediolanumGiulio Ciccone (Trek – Segafredo)
  • Maglia Bianca, leader della Classifica dei Giovani, sponsorizzata da EurospinGiovanni Carboni (Bardiani CSF)

CLASSIFICA GENERALE
1 – Valerio Conti (UAE Team Emirates)
2 – José Rojas (Movistar Team) a 1’32”
3 – Giovanni Carboni (Bardiani CSF) a 1’41”

Tappa 9 – Riccione-San Marino (RSM – ITT) 34,8 km – dislivello 750 m
Cronometro di quasi 35 km di cui i primi 22 in leggerissima ascesa fino alla salita finale di 12 km. Dopo Faetano le pendenze, pur senza mai diventare proibitive, si inaspriscono – specialmente nella prima parte – con punte attorno al 10% e una media del 6,5% fino a Fiorentino dove tra falsopiani e contropendenze il livello di difficoltà diminuisce per poi riportarsi attorno al 6% negli ultimi 2 km. L’intero percorso si svolge su strade ampie e in buono stato. Da segnalare i primi 450 m di percorso che si svolgono lungo la pista ciclabile costiera con un tracciato curvilineo e dalla carreggiata ristretta.

Ultimi km
Ultimi 2,5 km in salita (dopo una breve discesa). Si toccano pendenze fino al 10% per brevissimi tratti. Ultimo rettilineo di 300 m in asfalto con linea di arrivo larga 5 m (ultimi 50 m in leggerissima discesa).

La Tappa in TV:

Ciclismo.SportGo è raggiungibile dai tanti appassionati delle due ruote anche su Telegram

UMBERTO ORSINI COSTRETTO AL RITIRO DAL GIRO D’ITALIA

Un’infiammazione acuta al ginocchio sinistro la causa dello stop

Umberto Orsini è costretto a chiudere anzitempo la sua prima esperienza al Giro d’Italia. A fermare il toscano della Bardiani-CSF, classe ’94, un’infiammazione acuta della bandelletta ileotibiale del ginocchio sinistro. Già da un paio di giorni Orsini accusava dolore ma, con tenacia e e il supporto della tecarterapia, era riuscito a concludere la tappa . 

Questa mattina, nella sgambata di riscaldamento in vista della crono Riccione-San Marino, il dolore è però diventato insostenibile e il medico della Bardiani-CSF dottor Giampaolo Benini, di concerto con i direttori sportivi, ha imposto lo stop al corridore. Nelle otto tappe disputate Orsini è riuscito comunque a mettersi in luce con una fuga nella quinta tappa Frascati-Terracina. Domani, primo giorno di riposo del Giro, tornerà a casa per affrontare un periodo di riposo abbinato a fisioterapia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here