SAM BENNETT SI CONFERMA AL TOUR OF TURKEY

Sam Bennett si conferma sul traguardo di Eceabat. Nonostante un finale di percorso poco adatto alle ruote veloci l’australiano della Bora-Hansgrohe ha conquistato anche la seconda tappa davanti al compagno di squadra Felix Großschartner. Terzo il colombiano Jhonatan Restrepo. Sesta e settima piazza, invece, per Mauro Finetto e Valerio Conti.

SAM BENNETT SI CONFERMA AL TOUR OF TURKEY

Sam Bennett si conferma sul traguardo di Eceabat. Nonostante un finale di percorso poco adatto alle ruote veloci l’australiano della Bora-Hansgrohe ha conquistato anche la seconda tappa davanti al compagno di squadra Felix
Großschartner. Terzo il colombiano Jhonatan Restrepo. Sesta e settima piazza, invece, per Mauro Finetto e Valerio Conti.

Nonostante il finale di gara poco si addicesse alle ruote veloci, Sam Bennett (Bora-Hansgrohe) ha centrato anche il successo nella seconda tappa del Presidential Cycling Tour of Turkey. Il traguardo di oggi era posto in cima ad uno strappo di 3 km che presentava molte difficoltà, strada stretta, tortuosa, tratti in contropendenza e un ultimo strappo al 7%. Insomma un bel mix che ha appesantito le gambe e spento le velleità di molti, ma non quelle di Bennett, che di turchese vestito è andato a rafforzare la sua leadership in classifica generale.
Per sua stessa ammissione il vincitore non aveva messo in obiettivo la tappa odierna, ma ha corso a sensazione e si è trovato, come si dice, al posto giusto nel momento giusto. Negli ultimissimi chilometri in molti hanno provato l’azione e su tutte vanno citata quelle, un po’ anticipate, dell’atteso Remco Evenepoel (Deceuninck – Quick Step), che ha poi chiuso 17° a 9”, e di Lukas Pöstlberger (Bora-Hansgrohe), partito ai meno 1300 e che sembrava destinato al successo. Purtroppo per lui il prepotente inseguimento portato da Mauro Finetto (Delko Marseille Provence) ha di fatto lanciato la volata a Bennet, che è transitato in testa sotto lo striscione d’arrivo precedendo il compagno di squadra Felix Großschartner. La terza piazza è andata a Jhonatan Restrepo (Manzana Postobón) e poi a seguire con lo stesso tempo del vincitore sono transitati Gonzalo Serrano (Caja Rural), Jan Polanc (UAE-Team Emirates), Finetto e Valerio Conti ((UAE-Team Emirates). Ottavo a 3″ si è piazzato il portoghese Edgar Pinto (W52 / FC Porto) mentre a 4″ è arrivato un drappello regolato da Sebastian Schönberger (Neri Sottoli – Selle Italia – KTM) davanti a Cyril Barthe (Euskadi Basque Country – Murias) e altri 6 elementi.
In chiave classifica generale grazie all’abbuono Bennet rafforza la sua maglia turchese con 14″ di vantaggio su Großschartner, 16″ su Restrepo, 20″ su Polanc, Conti, Finetti e Serrano.
Detto delle fasi finali, la tappa odierna come tradizione ha avuto i suoi “fuggitivi”. Ad animare la fuga di giornata sono stati Ricardo Mestre (W52 / FC Porto), Lucas De Rossi (Delko Marseille Provence), Emerson Oronte (Rally UHC Cycling), Mauricio Moreira (Caja Rural-Seguros RGA), Thimo Willems (Sport Vlaanderen-Baloise), Liam Bertazzo (Neri Sottoli-Selle Italia-KTM) e il corridore locale Halil Dogan (nazionale turca), A onor del vero questa non è stata proprio la prima e unica fuga perchè durante l’ascesa verso il primo GPM di giornata si sono avvantaggiati cinque ardimentosi, il cui risicato vantaggio guadagnato, circa 15”, ha fatto sì che la fuga non avesse futuro. Tra i cinque era presente anche il portoghese Ricardo Mestre, capace poi di entrare anche nella fuga “buona”.
La tappa odierna è stata caratterizzata anche da alcune cadute e tra questa vanno segnalate quelle occorse a Juan Sebastián Molano (UAE Team Emirates) e Caleb Ewan (Lotto Soudal). Per entrambi si è reso necessario l’intervento del medico di corsa, ma hanno comunque terminato la gara.
Domani la terza tappa del Tour of Turkey porterà il plotone da Çanakkale a Edremit per un totale di 122.6 chilometri. Sulla carta si prospetta ancora un arrivo in volata, con l’attuale leader della generale favorito per il tris, che vorrebbe dire 10 successi ottenuti nella corsa turca, a solo una lunghezza dal record di André Greipel che ha esultato per 11 volte a queste latitudini.

@IlCiclismo.It/Mario Prato

Ordine d’Arrivo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here