LE SAMYN: LA PRIMA VITTORIA DI FLORIAN SÉNÉCHAL

LE SAMYN: LA PRIMA VITTORIA DI FLORIAN SÉNÉCHAL

Florian Sénéchal, francese della Deceuninck – Quick Step, ottiene la sua prima vittoria da professionista al termine di una vivace e divertente edizione de “Le Samyn”, l’unica corsa vallone con tratti di pavè lungo il percorso, nata nel 1968 e dedicata al suo primo vincitore, il belga naturalizzato francese José Samyn, deceduto in corsa nel 1969 a soli 23 anni.

Le Samyn, terzo appuntamento belga di questo avvio di stagione, non ha deluso le attese. La corsa vallone, forte anche dei bei nomi presenti e della voglia di fare bene su questi tracciati delle compagini Professional francesi e belghe, è stata combattuta fino all’ultimo e ha premiato – come accaduto alla Omloop Het Nieuwsblad e alla Kuurne-Bruxelles-Kuurne – un portacolori della Deceuninck-Quick Step. La sorpresa, se così si può chiamarla, è nel nome del vincitore. Ad avere la meglio sul gruppetto forte di una decina di unità che si è giocato la gara è stato Florian Sénéchal. Il francese, professionista dal 2014, ha infatti ottenuto la sua prima vittoria da professionista al termine di una gara che, strada facendo, ha visto un continuo cambiamento di situazioni.
I primi a firmare un’azione meritevole di maggior successo erano Rémi Cavagna (Deceuninck-Quick Step), Stan Dewulf (Lotto Soudal) e Loïc Vliegen (Wanty-Gobert). I tre, involatisi ai meno 80, rimanevano in avanscoperta per una ventina di chilometri e poi, terminato questo tentativo, irrompeva sulla corsa il vento laterale, sfruttato al meglio dalla Direct Énergie. Il lavoro del team dell’ultimo vincitore di questa corsa, Niki Terpstra, spezzava il gruppo che successivamente tornava compatto prima del cartello dei meno 50. Da quel momento in avanti la corsa si arroventava con decisione e si avvantaggiavano Aimé De Gendt (Wanty-Gobert) e Pieter Serry (Deceuninck-Quick Step), mentre il tratto in pavé di Bellevue si guadagnava gli onori della cronaca frammentando il plotone all’inseguimento dei due.
Al passaggio sotto lo striscione del traguardo, all’inizio dell’ultimo giro del circuito finale di 24 km, la situazione vedeva – alle spalle dei due fuggitivi – transitare con pochi secondi di ritardo Elmar Reinders (Roompot-Charles). Seguiva a una dozzina di secondi dai primi il sestetto composto da Jesper Asselman (Roompot-Charles), Tim Declercq (Deceuninck-Quick Step), Rémy Mertz (Lotto Soudal), Lukas Spengler (Wallonie Bruxelles) e Stijn Vandenbergh (AG2R La Mondiale). Il gruppo principale rimaneva entro il mezzo minuto di ritardo. I distacchi ristretti favorivano ulteriori avvicendamenti e davanti, ad esclusione del solo Splengler, i due gruppetti si univano in un plotoncino che aveva tutte le intenzioni e le capacità di andare al traguardo. Intenzioni e capacità che, però, si sono scontravano con la determinazione della solita Direct Énergie, votata anima e cuore alla causa del proprio capitano, intenzionato a firmare per la terza volta in quattro anni la corsa belga. Lanciato dal “sacrificio” dei compagni di squadra, Niki Terpstra riusciva a chiudere sui battistrada, portandosi dietro, però, alcuni scomidi clienti. Infatti, alle spalle del dorsale numero uno si muovevano prontamente Lars Boom (Roompot-Chalres) e Florian Sénéchal (Deceuninck-Quick Step) e nel giro di 500 metri il gap che li divideva dalla testa della corsa veniva prontamente chiuso rimettendo così tutto in discussione. Gli stessi tre corridori provavano ad avvantaggiarsi dopo che le squadre più rappresentate, Roompot-Charles e Deceuninck-Quick Step, avevano impedito agli inseguitori di portarsi sotto. Se ai meno 3500 metri la testa della corsa vedeva ancora in testa il terzetto formato da Terpstra, Boom e Sénéchal. l’eccessivo tatticismo tra questi corridori permetteva agli immediati inseguitori di raggiungerli, non prima di vedere un tentativo di Declercq, uno dei primi a riportarsi sui tre battistrada. Anche per il belga non c’era fortuna, ma il suo tentativo era il preludio alla quattordicesima vittoria della squadra fiamminga.
A trionfare, infatti, era il francese Florian Sénéchal, alla sua prima vittoria da professionista, nonostante nella sua giovane carriera ci sia andato vicino in più di un’occasione. Alle spalle del felice e commosso vincitore transitavano nell’ordine De Gendt, Terpstra e Lars Boom con lo stesso tempo di Sénéchal; completavano la top ten a Serry e Stijn Vandenbergh a 1″, Declercq a 6″, Reinders a 8”, Jesper Asselman a 14″ e Mertz a 19″. Dopo 54” ha chiuso Baptiste Planckaert (Wallonie-Bruxelles), primo degli inseguitori. Corsa da dimenticare, invece, per quanto riguarda i colori italiani poichè dei 12 azzuri in gara al traguardo ne sono arrivati solo due e il primo di questi è stato Andrea Vendrame (Androni Giocattoli-Sidermec), 81° con quasi 6 minuti di ritardo.

@IlCiclismo.It/Mario Prato

ORDINE D’ARRIVO

1 Florian Senechal (Fra) Deceuninck-QuickStep 4:38:20
2 Aime De Gendt (Bel) Wanty-Gobert
3 Niki Terpstra (Ned) Direct Energie
4 Lars Boom (Ned) Roompot-Charles
5 Pieter Serry (Bel) Deceuninck-QuickStep 0:00:01
6 Stijn Vandenbergh (Bel) AG2R La Mondiale
7 Tim Declercq (Bel) Deceuninck-QuickStep 0:00:06
8 Elmar Reinders (Ned) Roompot-Charles 0:00:08
9 Jesper Asselman (Ned) Roompot-Charles 0:00:14
10 Remy Mertz (Bel) Lotto Soudal 0:00:19
11 Baptiste Planckaert (Bel) Wallonie Bruxelles 0:00:54
12 Frederik Backaert (Bel) Wanty-Gobert
13 Jelle Mannaerts (Bel) Tarteletto-Isorex 0:01:02
14 Tom Van Asbroeck (Bel) Israel Cycling Academy 0:01:10
15 Dries Van Gestel (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise
16 Loïc Vliegen (Bel) Wanty-Gobert
17 Kasper Asgreen (Den) Deceuninck-QuickStep
18 Clement Venturini (Fra) AG2R La Mondiale 0:01:17
19 Tom Dernies (Bel) Natura4Ever-Roubaix-Lille Metropole
20 Dries De Bondt (Bel) Corendon-Circus
21 Pim Ligthart (Ned) Direct Energie 0:01:23
22 Pieter Vanspeybrouck (Bel) Wanty-Gobert
23 Hugo Hofstetter (Fra) Cofidis, Solutions Credits
24 Jonas Van Genechten (Bel) Vital Concept-B&B Hotel
25 Rudy Barbier (Fra) Israel Cycling Academy
26 Bagdonas Gediminas (Ltu) AG2R La Mondiale
27 Lawrence Naesen (Bel) Lotto Soudal
28 Jon Aberasturi Izaga (Spa) Caja Rural-Seguros RGA
29 Josip Rumac (Cro) Androni Giocattoli-Sidermec
30 Dorian Godon (Fra) AG2R La Mondiale
31 James Fouche (NZl) Team Wiggins Lecol
32 Sjoerd van Ginneken (Ned) Roompot-Charles
33 Jan Maas (Ned) Leopard Pro Cycling
34 Senne Leysen (Bel) Roompot-Charles
35 Kevyn Ista (Bel) Wallonie Bruxelles
36 Stan Dewulf (Bel) Lotto Soudal
37 Amaury Capiot (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise
38 Rémi Cavagna (Fra) Deceuninck-QuickStep
39 Cyril Lemoine (Fra) Cofidis, Solutions Credits
40 Alan Banaszek (Pol) Caja Rural-Seguros RGA
41 Roy Jans (Bel) Corendon-Circus
42 Alexander Krieger (Ger) Leopard Pro Cycling 0:01:31
43 Stijn Devolder (Bel) Corendon-Circus 0:01:36
44 Bert Van Lerberghe (Bel) Cofidis, Solutions Credits 0:01:51
45 Damien Gaudin (Fra) Direct Energie 0:02:02
46 Timothy Stevens (Bel) Cibel 0:02:21
47 Jack Burke (Can) Leopard Pro Cycling 0:02:38
48 Mario Spengler (Swi) Leopard Pro Cycling
49 Tom Wirtgen (Lux) Wallonie Bruxelles 0:03:39
50 Thomas Stewart (GBr) Canyon DHB p/b Bloor Homes
51 Jeroen Pattyn (Bel) Team Differdange Geba
52 Gianni Marchand (Bel) Cibel
53 David Boucher (Bel) Tarteletto-Isorex
54 Bert De Backer (Bel) Vital Concept-B&B Hotel
55 Enzo Wouters (Bel) Lotto Soudal
56 Franck Bonnamour (Fra) Arkéa Samsic
57 Boris Vallee (Bel) Wanty-Gobert
58 Sebastian Mora Vedri (Spa) Caja Rural-Seguros RGA
59 Gaëtan Pons (Lux) Leopard Pro Cycling
60 Lukas Spengler (Swi) Wallonie Bruxelles
61 Emils Liepins (Lat) Wallonie Bruxelles
62 Xavier Cañellas Sanchez (Spa) Caja Rural-Seguros RGA
63 Ludwig De Winter (Bel) Wanty-Gobert
64 Joab Schneiter (Swi) IAM Excelsior
65 Michiel Dieleman (Bel) Cibel
66 Michaël Van Staeyen (Bel) Roompot-Charles
67 Samuel Leroux (Fra) Natura4Ever-Roubaix-Lille Metropole
68 Dennis Coenen (Bel) Cibel
69 Mihkel Räim (Est) Israel Cycling Academy
70 Pierre Barbier (Fra) Natura4Ever-Roubaix-Lille Metropole
71 Gabriel Cullaigh (GBr) Team Wiggins Lecol
72 Pierre Idjouadiene (Fra) Natura4Ever-Roubaix-Lille Metropole
73 Julien Duval (Fra) AG2R La Mondiale
74 Aurélien Paret Peintre (Fra) AG2R La Mondiale
75 Bram Welten (Ned) Arkéa Samsic
76 Colin Heiderscheid (Lux) Leopard Pro Cycling
77 Conor Dunne (Irl) Israel Cycling Academy
78 Jordi Van Dingenen (Bel) Tarteletto-Isorex
79 Julien Van Den Brande (Bel) Tarteletto-Isorex 0:04:43
80 Timothy Dupont (Bel) Wanty-Gobert 0:05:11
81 Andrea Vendrame (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 0:06:07
82 Joeri Stallaert (Bel) Corendon-Circus 0:06:51
83 Adrien Petit (Fra) Direct Energie
84 Alexandre Pichot (Fra) Direct Energie
85 Emiel Vermeulen (Bel) Natura4Ever-Roubaix-Lille Metropole
86 Peter Williams (GBr) Swiftcarbon Pro Cycling 0:08:31
87 Romain Cardis (Fra) Direct Energie 0:09:31
88 Clément Russo (Fra) Arkéa Samsic
89 Brian van Goethem (Ned) Lotto Soudal 0:11:11
90 Marco Tizza (Ita) Amore & Vita-Prodir 0:11:51
91 Quentin Guex (Swi) IAM Excelsior
92 Dylan Page (Swi) IAM Excelsior
93 Simon Pellaud (Swi) IAM Excelsior

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here