Prima vittoria Extraeuropea al “Lombardia”. A Bergamo primeggia Esteban Chavez

Esteban Chavez, Colombiano al soldo della ORICA-BikeExchange, partito da pronosticato ha saputo raccogliere, primo extraeuropeo della storia più che centenaria della gara, il bersaglio grosso. Il forte scalatore ha vinto regolando in volata i suoi compagni di fuga, avendo la meglio su Diego Rosa, vero protagonista delle ultime fasi di gara, solo negli ultimi metri.

Il Lombardia numero 110 si è concluso in quel di Bergamo con una lunga sfida a tre tra Esteban Chaves, Rigoberto Uran e Diego Rosa. Dopo che Romain Bardet si era piantato sull’ultima salita di giornata. Il piemontese liberatosi da ruoli di gregariato dopo aver supportato Diego Aru ha saputo riportarsi sui battistrada entrando così a pieno diritto nel novero dei papabili per il successo finale. Ha provato l’azione di forza appena la strada ha cominciato a salire verso la parte alta della città lombarda. Riprovando ancora prima del triangolo rosso dell’ultimo km. Per il piemontese l’ultimo tentativo è stato quello di lanciare una volata lunga partendo ai meno 400, un tentativo che gli ha portato comunque un più che dignitoso secondo posto

Quella che è stata definita come il più duro “Lombardia” di sempre, ha avuto nei suoi 241km tra Como e Bergamo diversi momenti clou. A cominciare dalla prima ora percorsa alla media di 48.9km/h, passando per la galoppata solitaria di Damiano Caruso dopo essersi liberato dai compagni di viaggio, allo sparpaglio che la sequenza di salite ha creato negli ultimi 60km di gara. Un susseguirsi di emozionanti “cambiamenti di scena” che ha portato sul Sentierone di Bergamo il quartetto a giocarsi la vittoria per entrare nella storia dell’ultima corsa monumento della stagione.

Ordine d’Arrivo:

  1. Johan Chaves – OGE
  2. Diego Rosa – AST
  3. Rigoberto Uran – CAN
  4. Romain Bardet – ALM
  5. Davide Villella – CAN
  6. Alejandro Valverde – MOV
  7. Warren Barguil – GIA
  8. Robert Gesink – LNL

M.P.

Seguirà articolo completo

2 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here