FCI Puglia, Luca Mazzone cuore di Puglia!

Luca Mazzone è l’orgoglio della Puglia che si muove sulle due ruote. Dalla tetraplegia per un tuffo in mare alla rinascita come uomo e come atleta nel nuoto nei primi anni duemila fino a riscoprirsi all’età di 45 anni ancora un vincente con l’handbike e al fianco dei campioni del calibro di Alex Zanardi e Vittorio Podestà che insieme all’handbiker di Terlizzi formano il trio delle meraviglie del movimento paraciclistico e il punto di forza di una nazionale all’avanguardia grazie all’esperienza del suo commissario tecnico Mario Valentini.

 

Un oro nella cronometro, uno nella staffetta con Alex Zanardi e Vittorio Podestà, un argento nella prova in linea: alla sua prima Paralimpiade da ciclista, la quarta assoluta dopo quelle disputate da nuotatore, il 45enne di Terlizzi ha raggiunto in pochi giorni l’obiettivo di una vita fatta di preparazione e sacrifici veri: “Le esperienze nel nuoto mi hanno insegnato a gestire le emozioni e l’adrenalina. Ho controllato i dettagli, dal cambio ai freni, dalla ruota alla posizione delle gambe. Mi sono concentrato per mantenere il giusto ritmo di gara, nella crono è tutto e il mio passato da nuotatore mi ha aiutato. Una dedica speciale a mio figlio Yosef e a mia moglie Sara che condivide i miei sacrifici e si preoccupa ogni istante, la seconda per gli amici che mi hanno dato una mano a raggiungere questo obiettivo. La terza per chi ha raccontato le nostre gare, i nostri sacrifici e le nostre emozioni”.

 

Per il comitato regionale della Federciclismo Puglia, il trionfo di Mazzone riempie d’orgoglio il movimento e contribuisce a rafforzare l’immagine del ciclismo pugliese e di un paraciclismo che annovera in Puglia oltre a Mazzone anche Anna Grazia Turco, Carlo Calcagni e Leonardo Melle che, oltre a calarsi nei panni di atleti, sono “invincibili” contro ogni tipo di barriera.

 

Il rientro a casa di Luca Mazzone raccontato in un video (dal portale Ruvesi.it):

 

 

www.federciclismopuglia.it

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here