Gaviria dall’Oro Mondiale su Pista alla Corsa dei Due Mari

Con Ewan secondo, è l’accoppiata più giovane nella storia della gara

Fernando Rendon Gaviria (R) of Etixx-Quick Step on his arrival in the third stage of the Tirreno-Adriatico from Castelnuovo Val di Cecina to Montaldo di Castro, 11 March 2016. ANSA/LUCA ZENNARO
Fernando Rendon Gaviria (R) of Etixx-Quick Step on his arrival in the third stage of the Tirreno-Adriatico from Castelnuovo Val di Cecina to Montaldo di Castro, 11 March 2016. ANSA/LUCA ZENNARO

È l’accoppiata più giovane nella storia della Corsa dei Due Mari. La tanto attesa volata di gruppo nella terza tappa della Tirreno-Adriatico NamedSport ha visto il colombiano Fernando Gaviria battere l’australiano Caleb Ewan in quella che è sembrata la prima volata del futuro. Entrambi i corridori sono ancora tecnicamente Under 23 ma si sfidano già a livello WorldTour. La tappa di oggi sarà ricordata pertanto come il loro primo testa a testa a questi livelli.

Giorgio Cecchinel, Adrian Honkisz, Davide Villella e Domingo Gonçalves hanno fatto parte della fuga di giornata, partita nei primi dieci chilometri di gara e terminata a solo 1,5 km dall’arrivo. Il loro vantaggio massimo era stato di 4’39’ al km 84. L’Etixx-Quick Step e l’Orica-Greenedge hanno guidato l’inseguimento del gruppo fino al duello finale.

RISULTATO FINALE
1 – Fernando Gaviria (Etixx – Quick Step) – 176 km in 4h17’28”, media 41,015 km/h
2 – Caleb Ewan (Orica GreenEdge) s.t.
3 – Elia Viviani (Team Sky) s.t.

MAGLIE

  • Maglia Azzurra, leader della classifica generale, sponsorizzata da NamedSport – Zdenek Stybar (Etixx – Quick Step)
  • Maglia Rossa, leader della classifica a punti, sponsorizzata da Bora – Peter Sagan (Tinkoff)
  • Maglia Verde, leader del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da CSM – Zdenek Stybar (Etixx – Quick Step) – La maglia domani verrà indossata dal secondo in classifica Davide Villella (Cannondale Pro Cycling Team)
  • Maglia Bianca, leader della Classifica dei Giovani, sponsorizzata da Selle Italia – Bob Jungels (Etixx – Quick Step)

CLASSIFICA GENERALE
1 – Zdenek Stybar (Etixx – Quick Step)
2 – Damiano Caruso (BMC Racing Team) a 9″
3 – Daniel Oss (BMC Racing Team) s.t.

DICHIARAZIONI

Fernando Gaviria, vincitore di tappa: “È stata una volata complicata. Tutte le squadre avevano posizionato perfettamente i loro velocisti. Penso fossero tutti un po’ stanchi, io non lo ero grazie al lavoro della mia squadra. Mi hanno addirittura lanciato troppo velocemente. Avevo gambe ottime. Non sono rimasto sorpreso della vittoria: ho lavorato molto duramente per essere competitivo a questi livelli ed ottenere la mia prima vittoria nel WorldTour oggi dopo aver vinto l’oro ai Mondiali nell’Omnium. Quest’ultimo in realtà non era un mio obiettivo perché io mi ero preparato soprattutto per la strada, è per quello che penso che oggi sia stato più facile per me che per Mark Cavendish. Lui è stato molto tempo a Manchester con la squadra nazionale a lavorare in pista, io ci sono andato solo tre giorni prima del mondiale”.

Il leader della corsa Zdenek Stybar: “Sono sicuro che questo ragazzo (Gaviria) è un talento e un grande velocista. È appena tornato dal Mondiale su pista vincendo l’Omnium. Deve essere molto difficile la fase di transizione alla strada e vincere subito in volata. Dormo in camera con lui. Parla solo spagnolo. È molto tranquillo. Non parla mai della sua fiducia e si esprime sopratutto sulla bici. Penso che vincerà tante corse. Per le mie caratteristiche la tappa di domenica è probabilmente un po’ troppo dura. Nel finale ci sono dei tratti molto ripidi. Non sono uno scalatore puro, però cercherò di tenere duro il più lungo possibile. Ovviamente, questo è un periodo molto importante in vista delle Classiche di Primavera. Siamo stati fortunati col bel clima finora, dunque tutto promette bene per la Sanremo dove Gaviria può essere una sorpresa: lui tiene bene anche in salita”.

Il leader della classifica a punti Peter Sagan: “La mia regolarità dimostra che sono in buona condizione. In salita ci sono, in pianura ci sono. Oggi mi hanno battuto solo quelli arrivati da dietro dopo lo strappo in piena velocità. Sono comunque felice di come stiano andando le cose per me in questa corsa”.

Il miglior giovane Bob Jungels: “È qualcosa di veramente speciale per me portare la Maglia Bianca in una corsa di alto livello, anche se sarà difficile difenderla contro Adam Yates. È più scalatore di me. Comunque sono venuto qui per fare classifica. È una sorta di test personale per il futuro, anche se abbiamo diversi obiettivi da raggiungere come squadra”.

 

 

2 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here