Presentato #letour2016

Presentata oggi a Parigi nella consueta sacralità laica la corsa a tappe francese che, a torto o ragione, viene considerata il più grande avvenimento sportivo dopo le Olimpiadi.

La corsa prenderà le mosse con la Gran Depart nel dipartimento della Manica. L’avvio vero e proprio però si avrà nella suggestiva location offerta dal Mont S. Michel e passando prima per i pirenei e poi sulle alpi raggiungerà i tradizionali Champs-Elisées. Sul tragitto, si commemorerà la sbarco in Normandia con l’arrivo a Utah Beach. Si sconfinerà in Spagna ed a Andorra. Si ritornerà, per la decima volta nella sua storia, a salire sul Mont Ventoux, e lo si farà il giorno della Festa Nazionale Francese. Si arriverà alle pendici del Monte Bianco e si sconfinerà in Svizzera. Un gran bel menù che calamiterà l’attenzione di appassionati e non il prossimo luglio.

LE TAPPE
1a tappa, 2 luglio, Mont Saint Michel-Utah Beach Sainte-Marie-du-Mont, 188 km
2a tappa, 3 luglio, Saint Lo-Cherbourg Octeville, 182 km
3a tappa, 4 luglio, Granville-Angers, 222 km
4a tappa, 5 luglio, Saumur-Limoges, 232 km
5a tappa, 6 luglio, Limoges-Le Lioran, 216 km
6a tappa, 7 luglio, Arpajon sur Cere-Montauban, 187 km
7a tappa, 8 luglio, L’Isle Jourdain-Lac de Payolle, 162 km
8a tappa, 9 luglio, Pau- Bagneres de Luchon, 183 km
9a tappa, 10 luglio, Vielha Val d’Aran (Spa)- Andorre Arcalis (And), 184 km Primo giorno di riposo, 11 luglio
10a tappa, 12 luglio, Escaldes Engordany (And)-Revel, 198 km
11a tappa, 13 luglio, Carcassonne-Montpellier, 164 km
12a tappa, 14 luglio, Montpellier-Mont Ventoux, 185 km
13a tappa, 15 luglio Bourg Saint Andeol-La Caverne du Pont-d’Arc, 37 km (corno individuale)
14a tappa, 16 luglio Montelimar-Villars les Dombes Parc des Oiseaux, 208 km
15a tappa, 17 luglio, Bourg en Bresse-Culoz, 159 km
16a tappa, 18 luglio, Moirans en Montagne-Berna (Svi), 206 km
Secondo giorno di riposo, 19 luglio
17a tappa, 20 luglio, Berna (Svi)-Finhaut Emosson (Svi), 184 km
18a tappa, 21 luglio, Sallanches-Megeve, 17 km (crono individuale)
19a tappa, 22 luglio, Albertville-Saint Gervais Monte Bianco, 146 km
20a tappa, 23 luglio, Megeve-Morzine, 146 km
21a tappa, 24 luglio, Chantilly-Paris Champs-Elyees, 113 km

Anche quest’anno il Tour segue le stesse linee guida del Giro, riduce i km a cronometro e infarcisce di salite più o meno note il percorso. Quelle previste per l’edizione 2016 sono per la precisione 28 e vanno dai 780m del Col du Berthiand, uno dei colli della 15a tappa, ai 2115m del Col du Tourmalet, primo colle di giornata nell’8a tappa. Nel dettaglio le salite che si dovranno affrontare il prossimo luglio sono:

  • 5a tappa. Pas de Peyrol: 5,4 km al 8,1% (1.589 m); col du Perthus: 4,4 km al 7,9% (1.309 m); col de Font de Cere: 3.3km al 5.8% (1.294 m).
  • 7a tappa. Col d’Aspin: 12 km al 6,5% (1.490 m).
  • 8a tappa. Col du Tourmalet: 19 km al 7,4% (2.115 m); Hourquette d’Ancizan: 8,2km al 4,9% (1.564 m); col de Val Louron-Azet: 10,7 km al 6.8% (1.580 m); col de Peyresourde: 7,1 km al 7.8% (1,569 m).
  • 9a tappa. Port de la Bonaigua: 13,7 km al 6.1% (2.072 m); Col d’El Canto: 19 km al 5,4% (1.721 m); cote de la Comella: 4,2 km al 8,2% (1.347 m); col de Beixalis: 6,4 km al 8,5% (1.796 m); Andorre d’Arcalis: 10,1 km al 7,2%.
  • 12a tappa. Mont Ventoux: 15,7 km al 8,8% (1.912 m).
  • 15a tappa. Col du Berthiand: 6 km al 8,1% (780 m); col du Sappel: 8,8 km al 5,6% (794 m); Grand Colombier: 12,8 km at 6,8% (1.501 m); Lacets du Grand Colombier: 8,4km al 7,6% (891 m).
  • 17a tappa. Col de la Forclaz: 13 km al 7,9% (1.527 m); Finhaut-Emosson: 10,4 km al 8.4% (1.960 m).
  • 18a tappa. Cote de Domancy: 2,5 km al 9,4% (810 m).
  • 19a tappa. Col de la Forclaz de Montmin: 9,8 km al 6,9% (1.157 m); col de la Forclaz de Queige: 5,6 km at 7,8% (870 m); Bisanne: 12,4 km al 8,2% (1.723m); Bettex: 9,8 km al 8% (1.372 m).
  • 20a tappa. Col des Aravis: 6,7 km al 7% (1.487 m); col de la Colombiere: 11,7 km al 5,8% (1.618 m); col de la Ramaz: 13,9km al 7,1% (1.619 m); col de Joux Plane: 11,6 km al 8,5% (1.691 m).

Un ipotetico bignami della prossima corsa “Gialla” potrebbe essere questo: nove frazioni pianeggianti, una di collina, nove di montagna (con quattro arrivi in salita), 54 km contro il tempo divisi in due tappe a cronometro individuali e due giorni di riposo. Il tutto per consegnare all’immortalità sportiva e mediatica colui che il prossimo 24 luglio vestirà di giallo all’ombra dell’Arc du Triomphe.

 

Mario Prato

 

 

2 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here