#TirrenoAdriatico – BMC DI FORZA A LIDO DI CAMAIORE. CARUSO PRIMA MAGLIA AZZURRA

BMC DI FORZA A LIDO DI CAMAIORE. CARUSO PRIMA MAGLIA AZZURRA

Nella cronosquadre inaugurale della Tirreno-Adriatico 2018, vince e convince il Team BMC, bissando i successi ottenuti a Lido di Camaiore scorso anno e nel 2016. Damiano Caruso veste la prima maglia azzurra di leader della classifica generale. Domani tappa riservata ai velocisti prima di tre giorni molto impegnativi che definiranno la classifica generale.

La Tirreno Adriatico 2018 offre un panorama variegato di percorsi e paesaggi che rafforzano sempre di più la “Corsa dei Due Mari” nel calendario ciclistico internazionale. Due tappe a cronometro, a squadre e individuale, due frazioni per velocisti ed altre tre tappe, due delle quali ben oltre i 200 km, che testeranno le gambe di chi vorrà dire la sua in classifica generale, mentre la pianura sarà quasi un miraggio. E’ quindi lecito aspettarsi una partecipazione d’alto livello tra ciclisti di grandi corse a tappe – due tra tutti Vincenzo Nibali (Bahrain Merida) e Chris Froome (Sky) -, classicomani incalliti come Greg Van Avermaet (BMC) e Peter Sagan (Bora-Hansgrohe) e velocisti del calibro di Marcel Kittel (Katusha), Caleb Ewan (Mitchelson-Scott) e Mark Cavendish (Dimension Data), quest’ultimo coinvolto nella prima tappa in una brutta caduta che potrebbe pregiudicare il proseguimento della sua gara. Questi sono soltanto alcuni dei nomi che caratterizzano l’edizione 2018 e che offriranno uno spettacolo che farà da preambolo alla Milano-Sanremo di sabato 17 Marzo. La prima tappa è una cronometro a squadre di 21 km e mezzo e si corre a Lido di Camaiore. La prima squadra a partire era la Movistar. La squadra spagnola, molto compatta, faceva segnare al traguardo il tempo di 23 minuti e 9 secondi, ma la Sky, partita subito dopo, non dava scampo agli spagnoli e – forte di corridori come Kiryienka, Froome, Castroviejo e Thomas – dava una dimostrazione della propria forza facendo fermare le lancette dopo 22 minuti e 28 secondi. L’impressione immediata era che la squadra britannica sarebbe difficilmente stata superata, almeno nell’immediato, e per un riscontro più veritiero si sarebbe dovuto attendere la prova di squadre come BMC e Sunweb. Era però la Mitchelson-Scott a fare la differenza, favorita probabilmente anche dal vento più debole, facendo segnare il tempo di 22 minuti e 23 secondi. Faceva meglio la BMC con 22 minuti e 19 secondi, ipotecando la vittoria che non veniva messa in discussione neanche dal Team Sunweb, partito per ultimo e arrivato al traguardo in quinta posizione a 25 secondi dalla BMC. La prima maglia di leader della Tirreno va al primo corridore della formazione statunitense ad aver tagliato il traguardo, vale a dire il siciliano Damiano Caruso (Team BMC) che in classifica precede i compagni di squadra Rohann Dennis e Patrick Bevin. La prima Maglia Azzurra, subito dopo l’arrivo, ha dichiarato: “Questa è sicuramente una delle mie corse preferite. È la terza volta consecutiva che vinciamo qui con la BMC. Senza Richie Porte è stato più difficile vincere oggi e sarà più difficile per il team conquistare la classifica finale, adesso potrei essere io il leader del team. Sto bene. Non so quanto le condizioni del vento siano cambiate tra la nostra prova e quella del Team Sky. So solo che abbiamo spinto a tutta fino alla fine, ed ecco il risultato. Siamo molto contenti.” Successivamente in conferenza Stampa ha aggiunto: “È da tanti anni che andiamo forte alle cronosquadre, è una nostra specialità, ci alleniamo sin dai primi training camp dell’anno. Il nostro spirito di gruppo fa la differenza, lavoriamo insieme per un obiettivo comune, nessuno di noi vuole dimostrare di essere il singolo corridore più forte. Senza Richie Porte, sono diventato il capitano per la generale alla Tirreno-Adriatico. Punto alla top 10. Forse potrei ambire a qualcosa in più, ma preferisco volare basso visti i grandi nomi in gara. Sulla carta, il percorso di quest’anno sembra più duro che in passato. Siamo qui anche per Greg Van Avermaet, vuole vincere un’altra tappa..“.

Domani seconda tappa riservata ai velocisti poichè i 172 km da Camaiore a Follonica non evidenziano insidie altimetriche di sorta, se si eccettua il facile GPM iniziale di Montemagno posto a 4 km dalla partenza.

@IlCiclismo.It/Giuseppe Scarfone

Ordine d’Arrivo e Classifica Generale

MAGLIE

  • Maglia Azzurra, leader della classifica generale, sponsorizzata da Gazprom – Damiano Caruso (BMC Racing Team)
  • Maglia Bianca, leader della Classifica dei Giovani, sponsorizzata da FIAT – Fernando Gaviria (Quick-Step Floors)
  • Maglia Arancione, leader della classifica a punti, sponsorizzata da Sportful – non assegnata
  • Maglia Verde, leader del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da Snello Rovagnati – non assegnata

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here