Lampre-Merida: Settimana di corse italiane in Toscana ed Emilia-Romagna

Lampre - Merida 2015 - 28/01/2015 - - foto Luca Bettini/BettiniPhoto©2015

La LAMPRE-MERIDA correrà nella settimana corrente anche su strade più tradizionali e meno esotiche rispetto a quelle di Abu Dhabi.
La formazione del team manager Brent Copeland sarà infatti impegnata in Italia nel Gp Città di Peccioli-Coppa Sabatini (8 ottobre), nel Giro dell’Emilia (10 ottobre) e nel Gp Beghelli (11 ottobre).

Questi corridori selezionati per i singoli appuntamenti:
giovedì 8 ottobre, Gp Città di Peccioli-Coppa Sabatini: Matteo Bono, Mattia Cattaneo, Valerio Conti, Roberto Ferrari, Ilia Koshevoy, Przemyslaw Niemiec, Jan Polanc, Edward Ravasi (stagista). Direttore sportivo: Daniele Righi.
sabato 10 ottobre, Giro dell’Emilia: Matteo Bono, Mattia Cattaneo, Valerio Conti, Roberto Ferrari, Ilia Koshevoy, Przemyslaw Niemiec, Jan Polanc, Edward Ravasi (stagista). Direttore sportivo: Orlando Maini.
domenica 11 ottobre, Gp Beghelli: Matteo Bono, Mattia Cattaneo, Valerio Conti, Roberto Ferrari, Ilia Koshevoy, Przemyslaw Niemiec, Jan Polanc. Direttore sportivo: Orlando Maini.

Il ds Righi ha così illustrato le prospettive della LAMPRE-MERIDA per il Gp Città di Peccioli-Coppa Sabatini: “Prima di tutto, è importante rivolgere un bentornato a Niemiec, al rientro alle corse dopo la caduta occorsa nella seconda tappa della Vuelta a Espana. Per quanto riguarda la gara, dovremo essere attenti a inserirci nelle fughe se il numero di componenti sarà alto.
Per il finale di corsa, Polanc potrà far valere la brillantezza e la reattività mostrare nelle recenti gare, mentre confidiamo nello spunto veloce di Conti in caso di arrivo allargato“.

Orlando Maini, in ammiraglia per il Giro dell’Emilia e per il Gp Beghelli, ha spiegato che: “la squadra potrà contare su tre corridori molto pericolosi se inseriti nelle fughe, ovvero Cattaneo, Koshevoy e Niemiec, potenzialmente a loro agio anche di fronte alle pendenze dell’ascesa del San Luca nel finale del Giro dell’Emilia, gara nella quale Conti e Polanc si concentreranno sul finale, spalleggiati dal giovane Ravasi e dall’affidabile Bono.
Per il Gp Beghelli, in caso di corsa dura punteremo su Conti, vincitore della scorsa edizione, e su Polanc, mentre se la gara dovesse essere meno intensa avremo a disposizione un velocista di qualità come Ferrari“.

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here