Quintero, 160 km di coraggio: “Ce l’ho messa tutta”

Vuelta Spagna 2015 - 70a Edizione - 14a tappa Vitoria Alto Campoo - Fuente del Chivo 215 km - 05/09/2015 - - foto Luca Bettini/BettiniPhoto©2015

Il quinto posto e il premio di atleta più combattivo non consolano Carlos: “Volevo vincere, non mi arrenderò”

Ci prova sempre, Carlos Julian Quintero. Nei quattro anni che lo hanno visto protagonista con la maglia del Team Colombia-Coldeportes, il 29enne di Villa Maria ha passato migliaia di chilometri al vento, tirando per un compagno o andando a caccia del risultato da lontano. Tuttavia, mai come nella 14a tappa della Vuelta a Espana, 215 km da Vitoria all’arrivo in salita di Alto Campoo, Carlos è arrivato a sfiorare uno di quei successi che ti cambiano una stagione, se non una carriera. A giocarsi il successo nell’attesissima tappa di montagna, la più lunga di questa Vuelta a Espana, sono stati cinque corridori, i cinque atleti che dopo 50 km a ritmo indiavolato sono riusciti – di forza – a rompere la resistenza del gruppo su uno strappo. Oltre a Quintero, Salvatore Puccio (Team Sky), Mikael Cherel (Ag2r-La Mondiale), Josè Joaquim Rojas (Movistar) e Alessandro De Marchi (BMC) sono stati gli assoluti protagonisti di giornata, e alla fine è stato proprio quest’ultimo a distanziare i compagni di fuga nei chilometri conclusivi, sbucando a braccia alzate dalla fitta nebbia scesa sul traguardo. Dietro a lui Puccio e Rojas, mentre per Quintero arriva un quinto posto dal gusto agrodolce, e il premio di atleta più combattivo al termine di 160 km all’arrembaggio. “Oggi abbiamo disputato una grande tappa, ma davvero questo finale mi lascia un gusto amaro in bocca. Volevo vincere, non mi nascondo,” ha commentato Carlos nel dopo tappa, con occhi lucidi che non lasciavano dubbi sul suo stato d’animo. “Negli ultimi chilometri ho curato Cherel, che mi sembrava ancora piuttosto brillante e aveva tentato un paio di scatti, ma a 2 km dal termine, nel tratto più duro della salita, De Marchi ha attaccato a fondo e nessuno è riuscito a seguirlo.” “In questi giorni – prosegue Quintero – non c’è stata tappa nella quale non abbiamo provato ad andare all’attacco, a renderci protagonisti. Purtroppo non sempre va bene, entrare in fuga è sempre difficile, e portarla a compimento lo è ancora di più. Oggi è stata una battaglia, ma siamo stati bravi e ci siamo guadagnati quest’opportunità fino in fondo. Proprio per questo, fa male non essere riuscito a terminare la fuga a braccia alzate. Ma non ci daremo per vinti fino alla fine.” Dopo aver toccato un massimo vantaggio di quasi dieci minuti, ed aver iniziato con nove primi di margine i 19 km finali verso Alto Campoo, i battistrada hanno gestito vantaggio e forze nella prima parte della salita, con pendenze regolari, prima che Cherel aprisse le ostilità a 3 km dal termine. Alle loro spalle, il leader Fabio Aru (Astana) provava ad attaccare i rivali di classifica, ma il primo dei favoriti sul traguardo è stato Nairo Quintana (Movistar), che ha recuperato sette secondi sull’italiano, che si conferma in vetta alla graduatoria.  Rodolfo Torres del Team Colombia-Coldeportes si è piazzato ventesimo a 4.23, seguito da Alex Cano, 23° a 4.38, e Fabio Duarte, 25° a 4.42. Domani ad attendere il gruppo c’è la seconda prova di un trittico terribile: la quindicesima tappa, Comillas-Sotres. Cabrales, prevede 175 km e un altro arrivo in salita, con i dodici chilometri a naso in su sull’Alto de Sotres.

foto in alto: Carlos Quintero al traguardo di Alto Campoo – Photo Credits: Bettini Photo

Vuelta Spagna 2015 - 70a Edizione - 14a tappa Vitoria Alto Campoo - Fuente del Chivo 215 km - 05/09/2015 -  - foto Luca Bettini/BettiniPhoto©2015
Carlos Quintero premiato come più combattivo- Photo Credits: Bettini Photo

 

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here