Quintero lotta in avanscoperta alla Vuelta

Ancora Colombia-Coldeportes all’attacco nella tappa numero 7 della Vuelta a Espana, 191 km da Jodar a La Alpujarra. Nella frazione che presentava il primo arrivo di alta montagna della corsa a tappe spagnola, sull’Alto de Capileira, Carlos Julian Quintero si è esibito in un coraggioso tentativo da lontano insieme ad altri quattro atleti, uno dei quali, Bert-Jan Lindeman (LottoNL-Jumbo) ha resistito in avanscoperta fino a imporsi sul traguardo in quota, superando l’altro fuggitivo Ilya Koshevoy (Lampre-Merida) e Fabio Aru (Astana).  Per gli Escarabajos, migliore sul traguardo è stato nuovamente Rodolfo Torres, 33.mo a 1.33 dal vincitore, seguito da Fabio Duarte a 2.15. Torres è anche il migliore del team in classifica generale, 28.mo a 4.40 dal leader Esteban Chaves (Orica-GreenEDGE). Il gruppo ha resistito 14 km prima di lasciar andare il tentativo di giornata, con protagonisti Quintero, Lindeman, Koshevoy, Amets Txurruka (Caja Rural) e Jerome Cousin (Europcar). La Orica-GreenEDGE di Chaves ha lasciato fare, permettendo ai fuggitivi di prendere oltre 13 minuti di margine. Una distanza che il gruppo ha iniziato a rimontare solo a 50km dal termine, sotto la spinta decisa di Astana e Movistar. I battistrada hanno iniziato i 19 km di salita finale con 7 minuti di margine, ma l’accelerazione di Koshevoy ha ridotto gli uomini al comando a tre, con Lindeman e Cousin, e infine a due, quando il francese ha ceduto. Il testa a testa fra i due al comando è continuato fino ai 400 metri finali, quando l’olandese ha portato l’affondo decisivo. “Abbiamo scelto la fuga giusta, e ci abbiamo provato al massimo delle nostre possibilità – racconta Carlos Quintero, – fra salite e caldo massacrante è venuta fuori una corsa durissima, e purtroppo non siamo riusciti a raggiungere l’esito sperato. Non per questo smetteremo di tentare.” Il DS Valerio Tebaldi ha apprezzato ancora una volta l’approccio grintoso dei suoi ragazzi: “Per la determinazione che mettono nei tentativi da lontano, i nostri atleti meriterebbero molto più di quello che hanno raccolto. Oggi Carlos ha rispettato i piani, riuscendo a entrare in una fuga nella quale credevamo. Nel finale, Torres e Duarte hanno dato buoni segnali, anche se ancora manca qualcosina per stare davanti fino al termine. Contiamo che crescano ancora nelle prossime settimane.”

Sabato 29 Agosto ad attendere i corridori saranno 182,5 km da Puebla de Don Fabrique a Murcia. Il profilo suggerisce nuove opportunità per i tentativi da lontano, con gli Escarabajos ancora una volta fra gli attesi protagonisti.

 

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here